Open/Close Menu
Wedding Planner a Padova, Venezia, Treviso e ovunque

Come altre esperienze servono per diventare wedding planner

corso formazione aspiranti wedding planner

C’è una canzone che si intitola: il coraggio di andare, che poteva essere una valida alternativa al titolo di questo post. Perché quello che voglio raccontarti oggi è che la vita è costellata di prime esperienze, e spesso abbiamo paura di affrontarle. Poi c’è chi la paura la vince, chi si fa paralizzare, chi fa lo spavaldo e chi non la guarda nemmeno negli occhi. Ma nessuno, nessuno, è immune alla paura.

Le esperienze però sono sempre formative: il primo contratto firmato, il primo lavoro, la prima coppia di sposi, il primo matrimonio.

Quando studiavo all’università pensavo che sarei diventata una giornalista di guerra (evidentemente le cose troppo tranquille non fanno per me!), poi ho fatto la scrittrice e pubblicato due libri (prima che arrivassero gli ebook), e lì ho imparato tantissimo sull’autopromozione, sull’organizzazione degli eventi in libreria e nelle scuole, sulla ricerca di relatori e organizzazione degli incontri, i primi gadget e la promozione pre-Facebook. Il lavoro in agenzia di comunicazione ha risucchiato molte delle mie energie e della mia passione, più di due agenzie dove ho fatto grandi esperienze, incontri importanti, presentazioni di lavori grossi, tante arrabbiature e qualche bella soddisfazione. E poi la mia esperienza di formatrice per artigiani, per portarli nel marketing 2.0 con lezioni pratiche, perché gli artigiani sono persone estremamente pragmatiche.

Eppure tutto, tutto, ha concorso poi a farmi realizzare come wedding planner: ci avevo mai pensato? No, assolutamente. Organizzavo eventi per le aziende, lancio di concorsi a premi, iniziative di successo, eppure la prima volta che mi è capitato di lavorare a un matrimonio è stato amore a prima vista.

Perché avevo l’enorme privilegio di toccare con mano l’emozione di due persone e di sostenerle in un momento così fondamentale della loro vita: fino a quel momento, avevo lavorato con le aziende, il marketing, i numeri. Ma le emozioni, l’empatia, l’aspetto umano, quello mi era sempre mancato. È stato da lì che ho iniziato il mio percorso per diventare organizzatrice di giorni su misura.

È stato sempre facile? No. Tornassi indietro lo rifarei? Sì, altre mille volte.

Cambierei qualcosa? Avrei voluto una guida accanto a me, che mi aiutasse a capire i passi giusti da fare, a prendere consapevolezza e a scoprire cosa avrebbe voluto dire intraprendere la libera professione.

Se pensi anche tu che vorresti un supporto così nella tua attività, iscriviti alla newsletter, venerdì arriva una sorpresa per te!

The following two tabs change content below.
Avatar
Mi chiamo Elisabetta e sono un'organizzatrice di matrimoni su misura: affianco gli sposi nella costruzione del percorso che li porterà al giorno delle nozze, con originalità e affidabilità. Sono curiosa e sorridente, ho sempre con me un quaderno e tante idee.
© 2018 Un giorno su misura - P.IVA 04859620280 - Credits: Web Design di Studio Madesign e fotografie di Officine BiancospinoPrivacy PolicyCookie Policy