Open/Close Menu
Wedding Planner a Padova, Venezia, Treviso e ovunque

Organizzare il matrimonio: da dove devo partire?

Organizzare un matrimonio è proprio un viaggio, un percorso, un momento coinvolgimento e di forte confronto per una coppia: si mettono in gioco aspettative, desideri e ci si confronta con la realtà.

Organizzare un matrimonio in questo periodo è ancora più impegnativo: c’è di mezzo l’incertezza, i dubbi, ma anche la voglia di andare avanti a sognare e progettare, perché l’amore prende spazio e non aspetta. Per questo, molte coppie stanno iniziando a pianificare e capire come organizzare il loro matrimonio nel 2022.

Da dove si parte, cosa bisogna tenere in considerazione? In molti pensano che le scelte principali siano location e catering, e in parte è vero. Sono sicuramente i fornitori principali, quelli che si prendono il 50% del budget, e che sono investiti di maggiore responsabilità, e per questo tra i primi ad essere scelti.

Ma farei un passo indietro: prima ancora, se possibile, io valuterei un mood e un budget. Un mood non vuol dire arrivare con una palette cromatica e una moodboard pronta, un mood vuol dire capire se quando chiudo gli occhi mi immagino in estate o in autunno, in un contesto rustico o in un contesto più classico. E quindi, capire davvero qual é il budget che ho a disposizione: gli extra possono sempre esserci (un po’ come quando ci si mette a costruire una casa), ma sapere di poter contare su 25.000 euro o su 40.000 euro cambia in modo strutturale tutta l’organizzazione. Compresa la scelta della location, ma anche il numero di ospiti che ha senso aspettarvi di invitare (e di conseguenza ospitare nello spazio che state valutando).

L’errore più grande e clamoroso che ho visto fare a una coppia è stato scegliere una location perché se ne erano innamorati, senza farsi altre domande sulle conseguenze: era una location molto difficile, che lavorava solo con un numero limitato di catering, che richiedeva un impegno logistico extra, e che avrebbe avuto bisogno di un’adeguata decorazione floreale. Ma in realtà tra location e catering avevano già dovuto allocare il 70% del loro budget, e da lì in poi sarebbe stato impossibile fare scelte che non implicavano sacrificare fornitori importanti, a meno di non rimettere mano al budget.

Quindi, se volete sapere da dove partire, partite da voi: dal guardarvi dentro, dal sogno, dal raccogliere ispirazioni su Pinterest ma provando poi a calarle nella realtà e di confrontarle con il budget che davvero avete a disposizione. Se fate fatica a pensare di fare questi passi da soli, chiedete consulenza ad una wedding planner: oltre al mio servizio di organizzazione del matrimonio io ho creato un servizio di consulenza e supporto proprio per guidare gli sposi che vogliono organizzare in autonomia il loro matrimonio.

Se avete un dubbio, fate una domanda in più piuttosto che trovarvi a risolvere un problema più grande.

The following two tabs change content below.
Avatar
Mi chiamo Elisabetta e sono un'organizzatrice di matrimoni su misura: affianco gli sposi nella costruzione del percorso che li porterà al giorno delle nozze, con originalità e affidabilità. Sono curiosa e sorridente, ho sempre con me un quaderno e tante idee.
© 2020 Un giorno su misura - P.IVA 04859620280 - Credits: Web Design di Studio Madesign e fotografie di Officine BiancospinoPrivacy PolicyCookie Policy